IL CENTRO SOCIALE EX-MATTATOIO E’ UNA STORIA COMUNE

Non molto tempo fa chiudevamo le porte del centro sociale Ex-Mattatoio, uno spazio comune, collettivo, attraversato e vissuto nel corso del tempo da tantissime persone. Questo, grazie all’ impegno e alla passione di attivisti e attiviste, è riuscito a dare vita ad iniziative, spazi di discussione, momenti di lotta; e lo ha fatto per più di quindici anni diventando un punto di riferimento per chi voleva immaginare un modo diverso di vivere.

Oggi questa lunga esperienza non esiste più, cancellata da una lettera di sfratto. L’immobile che da tanti anni ospitava il centro sociale doveva essere messo, in fretta e furia, all’asta, sperando in qualche progetto che lo buttasse giù per costruire al suo posto magari l’ennesimo centro commerciale. A quasi due anni da quella lettera il centro sociale è ancora lì, vuoto, addormentato, proprio come chi l’ha spedita vorrebbe le nostre vite.

Ma tutto questo non basta. Proprio in questi giorni il Comune di Perugia ha lasciato partire una lettera di ingiunzione ai danni di un compagno con la quale si pretende il pagamaneto di quasi quattordici mila euro per il mancato versamento del canone d’affitto degli ultimi anni.
Con questa ingiunzione si riproduce ancora una volta quella pratica dell’indebitamento attraverso la quale non solo non si tiene conto, ma anzi si azzera, tutta la ricchezza sociale prodotta da quello spazio, ma si tende proprio ad imporre un sistema in cui possono esistere solo esperienze allineate e conformi all’idea dominante di sicurezza e mercificazione.

Il centro sociale non è stato e non sarà mai nulla di questo. Pensiamo che le città debbano esssere altro, luoghi di incontri meticci, di libertà, in cui poter sperimentare pratiche di autorganizzazione e democrazia. E siamo sempre disposti a lottare per ottenerlo.

Di tutto ciò e di come proseguire ne discuteremo in assemblea mercoledì 2 maggio, ore 21 in via del lavoro n 29 

#ExMattatoioStoriaComune