LETTERE DAL PRESIDENTE | SEVILLA O DELLA GIOVENTU’

sevillaLettera straordinaria con le ordinarie avventure del Presidente e del suo assistente.

In estate abbiamo partecipato ad un bando dal titolo “I giovani muovono l’Europa”. Dopo averlo vinto e aver ricevuto rassicurazioni che a trentacinque anni si è ancora giovani io e il mio fido assistente, niente nomi noi non abbiamo il culto della personalità, siamo partiti alla volta di Siviglia per presentare il progetto “Lautoradio”.

Questo è il resoconto della due giorni spagnola.

Iniziamo col dire che a questo bando hanno partecipato, oltre che dall’Italia, giovani del Portogallo e della Spagna e che la composizione era molto eterogenea, si andava da gruppi informale ad artisti fino ad arrivare a soggetti più istituzionali come l’università. La differente composizione era, curiosamente, anche una divisione geografica: i gruppi informali e di artisti provenivano dal Portogallo, gli spagnoli erano rappresentati da università e istituti di cooperazione. Per l’Italia erano presenti, oltre a noi, Cittadinanzattiva, il Forum delle associazioni giovanili e l’Udu/Reds.

Non mi soffermerò sul presentare realtà per realtà perché anche qui c’era una curiosa polarizzazione nazionale, quindi andrò avanti così, ma bando alle ciance iniziamo.

Portogallo: quello che subito mi ha colpito è stato il fatto di non presentare un progetto in particolare ma delle proteste di piazza nel loro paese e del fatto che pure se appartenenti a gruppi diversi avevano parole d’ordine chiare, condivise e radicali. Lotta alla precarietà, alla Troika, all’austerità e connessione con le altre lotte come quella dei migranti o sulle questione di genere sono state le parole più usate per raccontare quei giorni di grande mobilitazioni. Ultima questione, e come dicono gli statunitensi non per importanza, l’incontro fisico, una militanza reale fatta di manifestazioni di piazza e partecipazione ad assemblee. “Internet è solo un mezzo”, dicono, “uno strumento utile se utilizzato nella maniera adeguata”.

Spagna: qui la caratteristica era che i progetti realizzati erano presentati da Università, quindi da realtà con grande disponibilità per quel che riguarda soldi, mezzi e competenze, ma la cosa che mi ha stupito in positivo di questi progetti è stata il loro essere critico. Mi spiego meglio: i vari progetti non promuovevano solo la partecipazione dei giovani e la critica dell’esistente in maniera vaga e indefinita, ma avevano proprio al centro la lotta contro la precarietà e la ricerca di nuovi modelli di governo con più democrazia e partecipazione, insomma anni luce dall’Italia.

Italia: il filo conduttore delle esperienze italiane è stato quello del raccontarsi, non si presentavano progetti specifici, tranne in parte quello del forum delle associazioni giovanili, ma venivano raccontate le attività di routine svolte. Rispetto agli altri si notava la mancanza di una dimensione progettuale e di lotta connesse entrambe alla mancanza di un movimento realmente attivo in Italia contro precarietà ed austerità.

Bene detto tutto non manca niente o no? Vi state domandando cosa abbiamo detto noi? Bhe se dobbiamo ancora dirvi cos’è Lautoradio siamo messi male! Comunque noi sul chi siamo abbiamo risposto: siamo movimento cazzo!!!

 

Il Presidente