PERUGIA 26-06-2014. #RIBALTIAMOLAPRECARIETA’! PER UN SEMESTRE EUROPEO DI LOTTE.

26gQuesta mattina ci siamo presentati in maniera collettiva e determinata all’Agenzia del Lavoro di Perugia irrompendo negli uffici e occupandoli simbolicamente.

L’Ufficio era gremito e la risposta dei/delle presenti al nostro arrivo è stata davvero positiva, proprio rispetto alle questioni e criticità da noi sollevate.

Significativa è stata anche l’azione provocatoria di consegnare curricula “non convenzionali”, nei quali sono state riportate tutte quelle capacità e competenze che normalmente non vengono messe a valore, nè tantomeno retribuite, dal mercato del lavoro.

L’azione si inserisce all’interno della settimana di mobilitazione nei territori per realizzare un semestre europeo di lotte che affermi che le nostre vite non sono in (s)vendita e che rifiutiamo con tutta la nostra intelligenza e forza il Jobs Act, legge in materia di lavoro del governo Renzi.

Tale legge prevede, solo per citarne alcune:

  • la possibilità di assumere per otto volte nell’arco di tre anni un/una lavoratore/trice con un contratto a tempo determinato, così che non arriverà mai alla “sicurezza” di uno a tempo indeterminato;
  • l’introduzione di un periodo di prova di tre anni, durante il quale un datore potrà licenziare senza preavviso, senza motivazione e senza pagare la giusta indennità;
  • un Piano Garanzia Giovani, attivato in Umbria proprio oggi, che prospetta di combattere la disoccupazione giovanile attraverso il ricorso a tirocini ,stage, apprendistati, lavoro volontario in attesa di un improbabile lavoro futuro.

È ormai da anni che sulla nostra pelle avvengono tagli, riduzione dei servizi, un vero e proprio smantellamento del sistema di welfare che ci vede tutti e tutte coinvolti.

 

L’undici Luglio ci sarebbe dovuto essere a Torino un vertice europeo sulla disoccupazione giovanile, vertice annullato a poco meno da un mese della data in questione. Questo è un ulteriore esempio di come i governi nazionali ed europei non riescano a dare delle risposte che non vadano nel segno dell’austerity.

 

Per questo noi ci prepariamo ad un semestre europeo di lotte per reclamare reddito, casa, diritti per tutte e tutti.


#renzistaisereno

#civediamoinautunno

#civediamodappertutto