Quante Storie | Titoli di coda

titoli di codaTra gli scrittori greci contemporanei il più noto è certamente Petros Màrkaris, di cui troviamo in libreria in questi giorni Titoli di coda.

Un poliziesco che si aggiunge alla trilogia della crisi, in cui le attuali vicende greche fanno da sfondo e da spunto alle indagini del commissario della polizia criminale di Atene Kostas Charitos (uno che per approfondire significati legge dizionari).

Già la sequenza dei titoli degli ultimi i romanzi è una chiara metafora della pressione a cui è sottoposta la Grecia dall’ Europa:

Prestiti scaduti (2011 – L’esattore (2012) – Resa dei conti (2013) –Titoli di coda (2015)

La ricerca dei colpevoli di uno o più omicidi è la scusa per raccontarci una realtà economica e sociale, in cui personaggi immaginari invitano i cittadini alla disubbidienza finanziaria, e a non pagare i debiti alle banche, perseguitano gli evasori fiscali, puniscono faccendieri e corrotti.

In Resa dei conti si ipotizza che nel 2014 Grecia, Spagna e Italia siano uscite dall’euro. Ma il ritorno alla dracma non basta: stipendi bloccati, governo tecnico fasullo, banche chiuse, disoccupazione, pensioni insufficienti, disoccupazione causano tensione e protesta sociale. Persino il traffico caotico di Atene va diminuendo con l’aumentare dei costi del trasporto privato. E l’Atene moderna, con i suoi ingorghi, l’ urbanizzazione dissennata, la burocrazia infingarda, le gerarchie poliziesche ottuse, la corruzione è personaggio a pieno titolo.

Non mancano richiami alla storia greca recente e appena trascorsa, come la dittatura dei colonnelli (1967-74), in cui vanno a volte cercate le radici di mali di oggi.

Anche la vita privata del commissario e le sue vicende familiari sono rappresentative, in particolare la figlia Caterina, studentessa di legge, emblema di tanti giovani costretti a gravare economicamente sulle famiglie per completare gli studi, che vedono come unica possibilità il lavoro all’estero, e infine, avvocato che difende i migranti, minacciata da “Alba dorata” .

Sul tema del’immigrazione anche gli otto racconti de “I labirinti di Atene (2008)” che ci rappresentano le dure condizioni di vita in cui si trovano gli immigrati irregolari.

Queste storie ci parlano di realtà che riconosciamo affini e che ci toccano, e in modo leggero e accattivante ci aiutano ad avvicinarci e a capire aspetti della grave situazione che sta vivendo il paese mediterraneo che ci precede nella lista degli insolventi.

Non è da trascurare che la formazione di Màrkaris sia stata in economia, a Vienna e Stoccarda, e che sia stato traduttore dal tedesco di opere di Brecht.

Voglio citare qui altri romanzi che ho letto, e che comunque toccano temi interessanti come l’informazione televisiva (-Ultime della notte ,- Si è suicidato il Che) o la storia della comunità romea di Istanbul (La balia).

Insomma una lettura consigliabile: leggera ma non troppo.