RUBRICHE

15 Aprile 2014

CONTRACCEZIONE

Sai quali sono i principali metodi contraccettivi?

Quali sono i pro e i contro?

E soprattutto, se e quando ci proteggono dalle malattie sessualmente trasmissibili (MST)?

Andiamo a vederli nel dettaglio:

IL PROFILATTICO

fem cond

E’ l’unico che ti protegge da due rischi: gravidanza e malattie sessualmente trasmissibili (MST) e va utilizzato fin dall’inizio del rapporto. A parte il comune condom,
non tutt@ conoscono il femidom,preservativo femminile, molto utilizzato all’estero e poco diffuso in Italia.

LA PILLOLA

pillola

Quando parliamo di pillola intendiamo comunemente un farmaco da assumere per via orale (per bocca) contenente l’associazione di due ormoni che inibiscono l’ovulazione impedendo cioè la formazione dell’ovulo da fecondare. L’utilizzo della pillola ha anche altri vantaggi: regolarizza il ciclo metruale e riduce il dolore. Ricorda che la pillola non protegge dalle MST, quindi il suo utilizzo va associato a quello del preservativo, così come per tutti i metodi contraccettivi a seguire.

IL CEROTTO

Il cerotto contraccettivo (EVRA) può essere paragonato come funzionamento alla “pillola”. E’ caratterizzato dal rilascio lento del principio attivo attraverso la cute ed è più comodo perché prevede la somministrazione degli ormoni settimanale e non giornaliera. Per questo va posizionato sul corpo e cambiato di settimana in settimana.

L’ ANELLO VAGINALE

anello

L’anello vaginale (NUVA-RING) è una nuova forma di contraccezione ormonale. Un piccolo anello morbido viene inserito autonomamente in profondità in vagina, per restarvi 21 giorni. Ha gli stessi vantaggi contraccettivi della pillola e del cerotto.

LA SPIRALE

E’ uno strumento contraccettivo e intercettivo; esso impedisce la fecondazione, oppure, laddove questa sia eventualmente avvenuta, ostacola secondariamente l’annidamento dell’embrione nell’utero. Non puoi inserirla autonomamente ma va fatto dal/la ginecologo/a, la sua durata varia dai 3 ai 5 anni.

IL DIAFRAMMA

diaframma

Il diaframma è un metodo contraccettivo a barriera. È una piccola semisfera di gomma soffice con un anello flessibile in gomma a forma di “O” nel bordo che va riempito con uno spermicida (una sostanza che uccide o inibisce gli spermatozoi) prima di inserirlo nella vagina per creare una barriera davanti alla cervice uterina (l’apertura dell’utero), e dunque per evitare che gli spermatozoi vi penetrino. Il diaframma ha una tasso di fallimento molto elevato.

13 Aprile 2014

Click. Polizia

Sono arrivati i Siriani. Sono arrivati l’altro giorno. Andiamo in tre, per vedere come stanno, per parlare con loro.
Appena arriviamo li troviamo seduti. Parlavano tra loro. Chi fumava, chi sorseggiava un caffè.
Qualcuno parlava inglese.
Ero curioso. Volevo sapere della Siria, della guerra. Ma volevo saperlo da loro, non da internet.
“Chiediamo come e’ adesso la situazione in Siria” – dico all’operatrice.
La loro risposta è secca: “Bombs!”
Ed uno mima con la mano un aereo.
Vorremmo fare qualcosa per loro. Ero lì per dare informazioni legali.
“Sono un avvocato. Posso darvi informazioni sulla legge italiana. Sul diritto d’asilo. Se volete ascoltare, state pure qui.”
Ringraziano sorridenti.
Uno dice di essere Curdo e di venire da Damasco. E’ più grande degli altri. Dimostra circa quaranta anni. Veste una tuta nera ed ha ciabatte ai piedi.

Mi siedo su una piccola panca di ferro.
Il signore curdo si avvicina. Capisco che vuole parlare, e lo invito a sedere accanto a me.
Non parla inglese. Solo curdo ed arabo. Ma quel giorno non c’è l’interprete arabo.
Prende il suo cellulare e mi fa vedere un video.
Si vede una strada con cumuli di macerie e case distrutte ai lati.
“Damasco!” – mi dice.
Poi ferma il video su una immagine.
Con il gesto della mano mi fa intendere “mia”.
Capisco che si trattava della sua casa. Erano le macerie di casa sua.
Era un video che io vedevo su un cellulare. Ma il fatto che lo avesse filmato lui stesso mi dava un senso di realtà immenso. Quasi di paura. Mi sembrava di essere con lui in mezzo alle macerie, sotto i bombardamenti.
Faccio un’espressione di dispiacere. Forse stupida.
Ma non sapevo cosa dire. Ed anche sapendolo, non mi avrebbe capito. Parlava solo arabo.

Poi mi fa vedere una foto. Era una anziana signora con un velo che le copriva il capo.
Mi dice: “Mamma”. Conosceva questa parola italiana. E’ una parola così bella che dovremmo conoscerla in tutte le lingue del mondo.
Poi con il dito indice mima il grilletto di una pistola e mi dice: “Click. Polizia”.
E si tocca tre punti del petto.
La polizia siriana aveva ucciso sua madre. Le avevano sparato tre colpi in petto.

Continua a scorrere i file che aveva sul suo cellulare.
La foto di due bambini. Piccoli. Una bambina di circa quattro anni ed un bambino di circa sei.
Belli. Sorridenti. Ben vestiti e mano nella mano.
A gesti mi fa capire che sono i suoi figli e poi, sempre a gesti e con l’espressione del viso, mi dice che non ha informazioni su di loro. Non sa dove siano e se siano ancora vivi.

Rifaccio una espressione di dispiacere. Che sarà sembrata stupida.
Maledico gli ostacoli linguistici che ci separavano.
E mi metto a pensare.
Tante cose.
La prima cosa che mi è venuta in mente sono le foto degli ebrei deportati ad Auschwitz.
Durante rastrellamenti e retate cercavano di salvare e portare con se’ le foto dei familiari. Le foto sono il passato ed il presente, sono la vita.
Oggi le foto sono nella memoria di un cellulare.
Ma il dramma è identico: la guerra, la fuga, la morte.

9 Aprile 2014

La storia del biliardino – parte 1

Dedicato a F.&F.

Parlare del biliardino presente al centro sociale è molto difficile, un po’ perché la storia che potremmo raccontare è una storia parziale, è con noi solo da 14 anni, e un po’ perché la sua è stata una vita difficile fatta di violenza, droghe, alcool e sesso.

Tempo fa, però, ho fatto una promessa a F&F, e le promesse, si sa, vanno mantenute. Quindi via! Prima di raccontare la vita spericolata del nostro, parleremo di come è nato il Biliardino!
A chi spetti l’invenzione di questo gioco non è chiaro: una visione romantica l’assegna alla Spagna, mentre una più pragmatica alla Germania. L’unica certezza è che in Italia il nome ufficiale del gioco, calcio balilla, non c’entra niente con il nero ventennio. In realtà nella versione spagnola si fa riferimento a quegli anni, ma come sempre, ci arriveremo dopo.
Come è giusto che sia, iniziamo con un accenno alla versione germanica, la quale dice che il biliardino (si si noi lo chiameremo così) è nato nei pub e nei bar dove si incontravano i tifosi dopo le partite della squadra locale e dove quindi è nata l’idea di un gioco per continuare a giocare a calcio, in una data imprecisata tra il 1920 e il 1930 grazie ad un tale Broto Wachter.
La versione spagnola, oltre ad essere più poetica, ha anche una storia molto più lunga e travagliata. In questo caso l’inventore è Alexandre Campos Rios in arte Alexandre de Fisterre o Alejandro Finisterre, che ebbe l’idea durante il suo ricovero in ospedale. Durante la guerra civile spagnola, infatti, Alexandre fu ferito a causa di un bombardamento e nella sua degenza fu colpito dal gran numero di bambini con gli arti inferiori amputati o comunque con lesioni talmente gravi da impedire loro di giocare a calcio. Fu allora che decise di inventare un gioco del calcio che fosse accessibile a tutti e che si potesse giocare in spazi stretti seguendo l’esempio del tennis tavolo. Tutto questo accadeva nel Novembre 1936. Nel Gennaio del 1937 lo brevettò a Barcellona, e da qui, per aggiungere romanticismo, nascono i due colori blu e rosso o meglio blaugrana, i colori della città.
Con l’avvicinarsi della vittoria per Franco, Alexandre decide di scappare, ma mentre sta attraversando i Pirenei, direzione Francia, una tempesta lo coglie e perde tutti i documenti che attestano il brevetto della sua invenzione.
Così dunque viene narrata la nascita del biliardino.
Nella prossima puntata la storia del biliardino del centro sociale.

Il Presidente.

8 Aprile 2014

CONSULTORIO

LO SAPEVI CHE?

In tutti i Comuni è presente un servizio socio-sanitario chiamato “consultorio”. Lo scopo principale di questo servizio è la tutela della salute della donna, dell’uomo e della coppia in tutte le fasi della sua vita, con particolare attenzione all’educazione sessuale, prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse e dei tumori, contraccezione, gravidanza, menopausa e andropausa.

Al consultorio si possono innanzitutto effettuare visite ostetrico-ginecologiche, ma si può accedere anche ad altri servizi e prestazioni come:

  • prescrizione contraccettivi orali e applicazione contraccettivi meccanici (es Spirale);
  • consulenze sull’interruzione volontaria di gravidanza (I.V.G.);
  • screening citologico (Pap test) per la prevenzione del tumore al collo dell’utero;
  • educazione all’affettività e alla sessualità;
  • interventi di promozione della salute;
  • corsi di accompagnamento alla Nascita (CAN); 
  • assistenza a domicilio al puerperio;
  • promozione per l’allattamento al seno;
  • interventi di mediazione culturale.

All’interno dei consultori è presente la figura dell’andrologo/a come riferimento per tutta la sfera sessuale maschile.

È un servizio gratuito e per accedervi non occorre la prescrizione del Medico di Famiglia, né la prenotazione CUP (ad eccezione dello “Spazio Menopausa”), non serve avere la residenza né essere in possesso di un permesso di soggiorno, ma è sufficiente prendere un appuntamento telefonico o di persona.

Clicca qui per trovare il consultorio più vicino:

http://www.uslumbria1.gov.it/servizi/consultori

3 Aprile 2014

Catena alimentare

Ultimamente, sempre di più, si sente parlare di cibo. Di questo se ne sono accorti anche i media mainstream che hanno moltiplicato a dismisura i programmi a tema, quasi non avessimo altro da fare che cucinare ma soprattutto come se tutti noi avessimo a disposizione cucine sempre piene di cibo e fornelli e strumentazione varia di ultimissima generazione.

Partendo da questo dato di fatto i media hanno anche iniziato a parlare sempre di più di tutto ciò che riguarda il cibo fino ad arrivare a parlare dei vegetariani e dei vegani, tante parole che però non hanno risposto alle vere domande che molti, se non tutti, si pongono e cioè: cosa mangiano? Chi sono costoro? E soprattutto cosa vogliono?

Cosa mangiano?

In poche parole i vegetariani non mangiano animali mentre i vegani non mangiano animali e in più nessun alimento di origine animale. Già questo basterebbe per rispondere alle prossime domande, ma andiamo avanti perché la verità deve pur essere annunciata da qualcuno.

Chi sono e cosa vogliono?

Sono delle persone che conducono una vita normale e simile a quella di tutti noi, se non che ad ogni pranzo, cena o ogni occasione simile si lanciano in considerazioni del tipo “eh, ma c’è solo carne, e io che mangio!” oppure “per i vegani che c’è?”. Domande che ci fanno subito capire il vero obiettivo. Il loro scopo è quello di dare fastidio e rompere le scatole a chi mangia in tranquillità della carne per il solo gusto di rompere. Loro non hanno a cuore né le foche né le balene, vogliono solo godersi i loro minuti di popolarità, essere ribelli a tavola, ben inteso solo lì e in nessun altro modo, e soli contro tutti.

Ne è conferma il fatto che quando smettono, perché la maggior parte prima o poi rinsavisce, alla domanda “ma come sei ritornato a mangiare la carne?” tutti rispondono la stessa cosa e cioè “adesso non mi stressare eh, mica ero così con te io!”.

Per chi invece non si redime e continua imperterrito nel suo essere vegetariano o vegano ricordiamo cosa ci insegna la catena alimentare e cioè animale grosso mangia animale piccolo e carnivoro mangia vegetariano.

La catena alimentare parla chiaro non vorrete mica stare dalla parte sbagliata?

Il Presidente

Scroll to top